Pollo, peperoni e rosmarino

March 11, 2016 in Carne, Cereali, legumi e ortaggi, Spezie

Un grande classico convengo con voi! ma come si fa a rinunciare a tutto quel sughino sublime che si forma nella teglia, l’inzuppo è d’obbligo con pane o meglio ancora con del riso bianco..cena abbastanza veloce e facile..un ever green per le nostre tavole!

al solito un video tutorial sul nostro canale you tube!

INGREDIENTI

  • pollo in pezzi ( 8 nel nostro caso )
  • 2 rametti di rosmarino
  • 2 spicchio d’aglio
  • 3 peperoni
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • olio
  • sale
  • pepe

Ho iniziato la preparazione facendo la marinata per il pollo composta di rosmarino fresco tritato, un giro d’olio, sale, aglio. Ho condito bene i pezzi di pollo e lasciato marinare per 30 minuti!

Intanto ho pulito e affettato tre peperoni rossi.

In una padella a bordi alti ho messo poco olio e ho fatto rosolare il pollo a fuoco vivo per qualche minuto su entrambi i lati, ho aggiunto un bicchiere di vino e l’ho lasciato sfumare. Infine ho aggiunto in pentola i peperoni e ho lasciato cuocere per 40 minuti, ho regolato di sale

Piace anche ai bambini perchè rimane dolcino….insomma è troppo buono, bisogna provare!

Pane Vs farinata di ceci!

April 9, 2014 in Cereali, legumi e ortaggi, Cucina vegetariana, Spezie, pane, pasta madre

Avevo proprio deciso di voler provare a fare la farinata di ceci, ero convinta! Sono uscita e sono andata a comprare la farina di ceci… poi tra un impegno e l’altro la mia convinzione è andata via via sfumando!!! Il mio bel pacchetto di farina è rimasto lì per un paio di settimane, poi stordita come sono, mi è proprio passato di mente! Sabato pomeriggio stavo con la mia nipotina e ho pensato che avremmo potuto fare il pane insieme, avevo giusto della farina di ceci venuta fuori dal nulla!!!! Lei sul seggiolone, armata di mattarello e io sul tavolo con la planetaria abbiamo aggiunto i semi, mescolato, impastato e infarinato tutto.
Il pane è venuto davvero uno spettacolo! Il sapore dei ceci, il retrogusto di rosmarino, i semini croccanti e che profumo!
Per la farinata c’è sempre tempo…

INGREDIENTI

  • 185 gr di pasta madre
  • 65 gr di farina di ceci
  • 600 gr di farina 0
  • 400 gr di acqua
  • 2 cucchiai di olio evo
  • 1 cucchiaio di miele
  • sale
  • un rametto di rosmarino
  • 3 cucchiai di semi di girasole

Si comincia come per fare un rinfresco, quindi ho sciolto la pasta madre nell’acqua tiepida con il miele. Poi ho aggiunto l’olio, la farina bianca e la farina di ceci e ho impastato tutto con la planetaria per 10 minuti. Ho aggiunto il sale, il rosmarino tritato e i semi di girasole e ho lasciato impastare un altro minuto. Poi sono passata a lavorare la pasta sul piano da lavoro. L’impasto è abbastanza morbido e si lavora facilmente. Dopo qualche minuto ho messo il pane a riposare direttamente sulla placca da forno foderata con la carta. Ho lasciato lievitare per 16 ore dentro al forno spento. La mattina dopo l’impasto era ben cresciuto e l’ho cotto in forno già caldo a 200° per 15 minuti e poi per altri 40 a 180°. Deve risultare ben dorato, anche se io busso sempre sul fondo della pagnotta e la lascio cuocere fino a che non suona a vuoto.

Sale aromatizzato al limone e rosmarino

March 7, 2014 in Condimenti, Conserve, Cucina vegana, Cucina vegetariana, Frutta fresca e secca, Spezie

Regali creativi e sempre graditi, a km 0 come va di moda, infatti limoni e rosmarino sono del nostro orticello! Da qualche anno io e kya abbiamo adottato questa filosofia per i regali di natale…l’anno scorso il preparato per pancake…quest’anno il sale aromatico, il prossimo anno…non lo posso dire..sennò che sorpresa sarebbe per i nostri amici!

Voi, che idee brillanti avete per fare un regalo?

INGREDIENTI

  • 1 kg di sale grosso
  • 10 rametti di rosmarino
  • la scorza di 1 limone bio

Abbiamo lavato il rosmarino e il limone, la cosa migliore sarebbe farlo il giorno prima, in modo che sia perfettamente asciutto; con un pelapatate abbiamo tolto la scorza al limone e abbiamo lasciato asciugare nuovamente.

Con un mixer abbiamo frullato insieme il sale, gli aghi del rosmarino e la buccia del limone. Il composto ottenuto l’abbiamo adagiato su una grande teglia con del panno casa ad asciugare nuovamente.

Per fare questa operazione ci sono due modalità, o lasciare il sale  temperatura ambiente per un giorno o farlo essiccare in forno per un minuto a 100 gradi, deve perdere l’umidità in modo che non si creino grumi e si conservi al meglio.

In ultimo abbiamo invasato e regalato agli amici!

Patè come viè!!! o com’esc!!!!

February 24, 2012 in Antipasti, Carne, Cereali, legumi e ortaggi, Condimenti, Conserve, Frutta fresca e secca, Spezie, pane

Il patè è un articolo che ci garba parecchio! Ricordo spesso di escursioni nei supermercati francesi e grandi caricate di FUAGRAS?? (ahahah), terrine profumate, patè vari aromatici, poi esposti in bella mostra in dispensa e selezionati accuratamente durante le cene di famiglia, o come spuntino davanti alla TV! Per noi il patè non è certo cibo esclusivo e selezionato per le occasioni, è goduria vera, goduria spalmabile…e chi ci conosce lo sa quanto amiamo spalmare io e mia sorella…chiacchiere e panino, non saprei come descriverci meglio! Nel blog troverete l’azzeccatissimo patè di fegatini di pollo che fa mia mamma…squisitissimo! Invece in questi giorni abbiamo provato a creare con gli avanzi della cena…perchè anche l’arte di trasformare gli avanzi ci è molto congeniale! Perciò a voi, il patè di bollito profumato, accompagnato con mostarda di limone e zenzero e pane integrale ai semi di girasole…per noi un gran successo…provateci al prossimo bollito avanzato!

Ovviamente il patè era anche la richiesta per l’MT di questo mese e noi partecipiamo…

INGREDIENTI

  • 300 gr di bollito già lessato di vitellone
  • erbette e profumi misti
  • verdurine miste avanzate del bollito ( carote, sedano, patata e cipolla )
  • 150 gr di panna acida
  • il succo e la scorza di un limone
  • 5 cucchiai di latte
  • 1 porro stufato
  • olio
  • sale
  • pepe

Il bollito l’ho preparato con un’acqua molto speziata e profumata, ovvero con pepe rosa e nero in grani, foglie di alloro, 2 rametti di rosmarino, 2 spicchi d’aglio, la scorza di un limone tagliata con il pelapatate, 2 cipolle, 2 patate, 2 carote e una costa di sedano; questa è stata la cena precedente alla produzione del patè, nel quale tutti questi profumi si sentono! Perciò l’avanzo di bollito e profumi, equivalenti a 300 grammi di carne e le verdurine avanzate e le varie scorze sono finite nel frullatore, insieme al latte, un filo d’olio e il succo e la scorza del limone; ho frullato il tutto. Intanto sul fornello ho fatto stufare un cuore di porro con un filo d’olio e un goccino d’acqua, l’ho fatto freddare e l’ho aggiunto al composto di carne e ho frullato ancora. In ultimo ho aggiunto la panna acida e regolato di sale e pepe. Ho messo in frigo a riposare per diverse ore. Intanto ho preparato i crostini di pane, si tratta di un semplicissimo pane integrale con semi di girasole preparato nella macchina del pane, very easy; l’unica accortezza è stata quella di ricavare dei cerchi dalle fette di pane e riscaldarli appena in forno…così è più appetitoso! Abbiamo associato questo patè ad una meravigliosa mostarda fatta dalla nostra mamma, è una mostarda di limone e zenzero…davvero ottima..capace di creare un favoloso connubio di sapori tra la carne dal gusto delicato e il pane croccantino…insomma un esperimento delizioso!

INGREDIENTI PER LA MOSTARDA DI LIMONE E ZENZERO

  • le bucce di 8 limoni
  • 4 scalogni
  • 8 cucchiai di zucchero
  • sale
  • peperoncino
  • 2 cm di zenzero fresco
  • acqua qb

Il nostro giardino ci regala magnifici limoni profumati che usiamo in tutte le maniere, tra queste abbiamo provato questa mostarda che si preparata con le sole bucce del limone senza la parte bianca, è necessario tagliare a piccoli pezzi la buccia insieme agli scalogni e allo zenzero. Il tutto va messo in una larga padella insieme allo zucchero e all’acqua che serve a coprire le scorze. La mostarda deve cuocere per circa 1 ora, l’abbiamo regolata di sale, pepe e peperoncino e abbiamo invasato a caldo, abbiamo ottenuto 4 vasetti di mostarda.

Zuppa rustica di ceci e castagne

January 30, 2012 in Cereali, legumi e ortaggi, Frutta fresca e secca, Spezie, primi

In questi giorni che fa freddo una zuppa è davvero l’ideale come “comfort food”. Una bella zuppa calda fumante e profumata! Magari con qualche bel crostino di pane dentro!!! Devo dire che l’abbiamo fatta anche in una versione ancora più rustica una volta. Abbiamo cotto questa zuppa per tante ore sul camino nella pignatta, ovvero il vaso fondo in terracotta con manico ad arco. Il sapore è nettamente diverso rispetto alla zuppa cotta con i metodi moderni, ma devo dire che è buonissima in entrambe le versioni! Da provare…

INGREDIENTI

  • 500 gr di ceci secchi
  • 250 gr di castagne già lessate
  • 150 gr di cubetti di prosciutto cotto
  • 1 cipolla
  • 1 spicchio di aglio
  • rosmarino fresco
  • sale
  • pepe

Ho messo a bagno i ceci per 12 ore in abbondante acqua fredda in cui ho sciolto un cucchiaino di bicarbonato. Ho lessato i ceci ammollati in acqua abbondante per 1 ora e mezza, io e mia sorella lessiamo i legumi senza nessun profumo e senza sale, successivamente prepariamo il condimento e diamo sapore alla zuppa. Ho messo da parte i ceci e la loro acqua di cottura che poi mi servirà. Intanto in un’altra pentola ho soffritto la cipolla tritata e l’aglio, ho bagnato con poca acqua per non farli attaccare e stufarli bene. Ho aggiunto il prosciutto cotto e ho continuato a cuocere lentamente, dopo circa 10 minuti ho aggiunto i ceci e un po’ dell’acqua di cottura, quella necessaria a raggiungere il livello dei ceci, ho aggiunto anche le castagne che avevo lessato la sera prima. Ho tritato abbondante rosmarino e l’ho aggiunto alla zuppa, ho lasciato cuocere per 20 minuti, ho aggiunto sale e pepe quanto bastano. In ultimo ho frullato grossolanamente circa un terzo della zuppa, nel mio caso ho semplicemente frullato con il frullatore ad immersione per pochi secondi. Servire caldissima e se piace con qualche crostino di pane.

- E’ deliziosa anche servita con un po’ di pasta corta o con dei maltagliati lessati a parte ed amalgamati alla zuppa.

- Per dare più carattere si può sostituire il prosciutto cotto con il prosciutto crudo, con il lardo, guanciale o con le salsiccie.